TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 11:30

 /    /    /  Elezioni in Germania, Scholz non stupisce, ma vince il dibattito tv

alle urne il 26 settembre 202130 agosto 2021

Elezioni in Germania, Scholz non stupisce, ma vince il dibattito tv

di Redazione

Il leader della Spd favorito nei sondaggi, ;anche grazie agli errori e alle gaffe commesse dagli altri due pretendenti

Roma, 30 ago. (askanews) - Confronto tv tra gli aspiranti successori alla cancelleria: Armin Laschet, il candidato Cdu, è passato all'offensiva durante il dibattito su Rtl 'Das Triell', a meno di un mese dalle elezioni che metteranno fine all'era Merkel e mentre il candidato socialdemocratico e ministro delle Finanze, Olaf Scholz, appare favorito negli ultimi sondaggi, anche grazie agli errori e alle gaffe commesse dagli altri due pretendenti. 'Venti contrari li ho sempre percepiti, anche ora - ha detto il governatore del Nordreno Vestfalia - ma non sentiamo tutti il vento del cambiamento che ci soffia in faccia? In questi momenti, abbiamo bisogno di fermezza, affidabilità e una bussola interiore'.

 

Ciò che appariva impensabile qualche settimana fa sta diventando una possibilità concreta: il partito della Cancelliera, la Cdu, e il suo alleato bavarese, Csu, rischiano di tornare all'opposizione per la prima volta dal 2002. Secondo un sondaggio pubblicato domenica 30 agosto da Bild, l'Unione Cdu-Csu, ottiene appena il 21% delle preferenze, contro il 34% di inizio anno, e viene superata dalla Spd di Scholz, al 24%, e davanti ai Gruenen di Baerbock, al 17%.

 

A tenere banco il tema Afghanistan, con Laschet che ha definito la precipitosa fine delle missioni internazionali un 'disastro del governo federale tedesco e dell'Occidente'. Del governo di grande coalizione di cui fa parte il suo partito e anche quello di Scholz; il quale non stupisce e non delude, ma secondo un sondaggio di Forsa diffuso da Rtl, si piazza primo con il 36% dei consensi degli intervistati: 'Penso che avremo bisogno anche in futuro di missioni alle quali contribuiremo con i nostri soldati per garantire la pace e la sicurezza nel quadro dell'Unione europea, nel quadro della Nato, nel quadro dei mandati delle Nazioni Unite'. Ad apparire più a suo agio davanti alle telecamere - scrive il tabloid Bild, che ha analizzato il linguaggio del corpo dei tre aspiranti cancellieri - è stata la verde Annalena Baerbock. Molto preparata e un po' aggressiva, si piazza seconda nel sondaggio Forsa, con il 30% delle preferenze (solo 25% invece per Laschet).

 

'In queste ultime settimane, il vostro governo si è defilato, Signor Scholz, il fatto che non abbiate detto niente in questo dibattito mi ha scioccato - ha attaccato la co-presidente dei Verdi - il ministero degli Affari esteri non ha rilasciato alcun visto e nessuna nuova unità di crisi sarà utile se il ministero della Difesa non collabora con il ministero degli Affari Esteri e la cancelleria per far evacuare davvero le persone dal paese'.