TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 21:17

 /    /    /  Finisce l'era Merkel: dal 26 settembre la cancelliera va in pensione

- Credit: Askanews

europa21 settembre 2021

Finisce l'era Merkel: dal 26 settembre la cancelliera va in pensione

di Redazione

16 anni al potere senza interruzioni: ;una popolarità incontrastata


Sedici anni al potere e una popolarità incontrastata: con le elezioni tedesche del 26 settembre 2021 Angela Merkel, la donna più potente al mondo per la rivista Forbes (dal 2006 al 2019 ininterrottamente) si appresta a lasciare la cancelleria, un addio che lascia un grande vuoto in Germania e in Europa.

La prima cancelliera donna nella storia della Repubblica federale tedesca, la prima cancelliera "venuta dall'Est", all'anagrafe Angela Dorothea Kasner, nata ad Amburgo nel 1954, ma cresciuta nell'ex Ddr, ha ereditato il cognome Merkel dal primo marito, come lei studente di fisica.

La sua città è Templin, dove ha vissuto dall'età di 3 anni fino al baccalaureato. Nella città, situata nel Land del Brandeburgo, ha fatto visita pochi giorni fa, il 10 settembre. "Qui è una di noi. Quando viene qui, è completamente naturale, come tutti noi. Sì, è discreta", dicono i residenti.

Nel 2000, una giovanissima Merkel, presidente dell'Unione cristiano-democratica (Cdu), stringeva la mano all'allora presidente del Consiglio europeo Romano Prodi. Non è stato facile per lei scalare il partito del suo mentore, poi rinnegato, il cancelliere della riunificazione, Helmut Kohl: "Tutti questi uomini della Cdu dell'ovest tedesco" spiega il giornalista e autore di una biografia sulla cancelliera, Ralph Bollman "che erano già negli anni giovani della giovane Unione, che avevano tutti fatto la carriera di partito, non potevano veramente immaginare che questa donna dell'est andasse ad occupare una posizione di primo piano, capo del partito, cancelliera, perfino. Ovviamente lei ha sempre ampiamente approfittato del fatto che venisse sottostimata".

Ha guidato 3 governi di Grosse Koalition su 4, solo il Merkel II - 2009-2013 - vide infatti una coalizione nero-gialla, formata da Cdu-Csu e liberali della Fdp.

La pandemia, la gestione della crisi greca, l'annuncio dell'uscita dall'energia nucleare della Germania dopo il disastro di Fukushima, fino allo storico "Wir schaffen das", "Ci riusciremo", quando aprì le porte ai migranti in Germania nel settembre 2015.

Merkel resterà per questo e molto altro nella storia: "La Signora Merkel è ai miei occhi un'eroina che mi ha salvato la vita. Mi ha dato l'opportunità di entrare nel paese, di integrarmi, di stare bene. Mi ha offerto la sicurezza. Per me è la donna più potente al mondo", afferma Anas Modamani, rifugiato siriano e studente di comunicazione a Berlino.