Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 03 dicembre 2021 - Aggiornato alle 10:12
News
  • 09:45 | Le dimissioni del cancelliere austriaco Schallenberg
  • 09:29 | Tutti i nomi per sostituire Kjaer
  • 09:16 | Merkel lascia aprendo all’obbligo vaccinale
  • 09:16 | SBK 2022, Razgatlioglu continuerà a correre col numero 54
  • 09:01 | Il pazzo pareggio tra Lazio e Udinese (4-4)
  • 07:00 | I vaccini e i lockdown in Europa e le altre notizie sulle prime pagine
  • 02:04 | Lazio-Udinese 4-4: Acerbi illude i capitolini, Arslan pari al 99'
  • 23:52 | Rafa Nadal rassegnato: “Sarà Djokovic il primatista di Slam vinti”
  • 21:03 | Torino-Empoli 2-2: Romagnoli e La Mantia rimontano i granata
  • 17:48 | Economia, la ripresa forte dell'Italia
  • 17:30 | La classifica delle città più vivibili
  • 17:11 | Kjaer, coinvolti i legamenti: necessario l'intervento
  • 17:00 | Covid, i dati del 2 dicembre: tasso di positività al 2,5%
  • 16:48 | Lesione al legamento per Kjaer
  • 16:05 | Calcio: due giornate a Spalletti, salta Atalanta ed Empoli
  • 15:45 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 13:17 | Vaccini, per Pfizer dovremo fare richiami per diversi anni
  • 13:15 | Ecumenismo alla Casa Bianca di Joe Biden, si celebra Hanukkah
  • 13:07 | Le otto nuove sale di Palazzo Maffei a Verona
  • 12:54 | Basket, Milano ufficializza Bentil: “Opportunità unica, la sfrutterò”
VIDEO Germania rivede al ribasso previsioni di crescita: +2,6 e non 3,5
TOP VIDEO

Germania rivede al ribasso previsioni di crescita: +2,6 e non 3,5

Roma, 27 ott.
(askanews) - La Germania rivede al ribasso le previsioni di crescita per quest'anno al 2,6%, rispetto ad aprile quando fu annunciato un aumento del Pil tedesco del 3,5%, soprattutto a causa dei rallentamenti nella catena di rifornimento globale. Il ministro dell'Economia tedesco Peter Altmaier: 'Quest'anno l'economia conoscerà una crescita del 2,6%. Questa previsione è relativamente debole - ha spiegato in conferenza stampa - perché siamo già a ottobre e il 2,6% è leggermente inferiore alla cifra delle proiezioni di primavera'. Ripresa priva di slancio, fabbriche senza componenti, esplosione dei prezzi dell'energia, un futuro di spesa pubblica: il nuovo governo tedesco non si è ancora formato e sono già numerose le sfide economiche che si impongono in cima all'agenda. Una delle principali cause di questa situazione è legata alla penuria di componenti e materie prime che rallentano la ripresa post-Covid del Paese fortemente dipendente dalla sua potente industria di export. 'Numerosi beni e merci non possono essere forniti perché c'è penuria di materie prime', ha spiegato all'emittente pubblica Zdf Altmaier, il quale tuttavia, ha rassicurato i tedeschi prevedendo un 'vero boom' nel 2022 con un aumento del Pil 'oltre il 4%'. A settembre le industrie tedesche hanno visto crescere i costi del 14,2% in confronto all'anno precedente. Non si vedeva un aumento così in Germania dall'ottobre 1974, ovvero in seguito alla prima crisi petrolifera. La produzione industriale è diminuita del 4% nel giro di un mese in agosto. Le esportazioni, che non avevano smesso di crescere dalla prima ondata di Covid-19, sono calate dell'1,2%. 'Nel terzo trimestre - ha messo in guardia l'economista di Capital Economics, Andrew Kenningham - la Germania non dovrà fare di meglio che stagnare'.
I più visti

Leggi tutto su Video