Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 06 aprile 2020 - Aggiornato alle 11:45
VIDEO Giochi rinviati, ecco le reazioni degli atleti azzurri
- Credit: askanews
SPORT 26 marzo 2020

Giochi rinviati, ecco le reazioni degli atleti azzurri

di Redazione

Dalla scherma alla pallavolo: "Un anno in più per migliorare"

Il rinvio dell'Olimpiade di Tokyo 2020 ha portato non poco scompiglio tra Federazioni sportive e atleti.

"Prima la salute", ripetono tutti a gran voce. Ma un anno, tra preparazione atletica e classifiche, potrebbe portare grossi cambiamenti nel team azzurro.

 

La schermitrice Arianna Errigo: "La notizia del rinvio di Tokyo 2020 non è stata sicuramente una notizia bella per noi sportivi che seguiamo questa competizione da quattro anni, ma credo che in questo momento sia stata la scelta giusta. Quindi ci rivediamo a Tokyo 2021".

 

Un anno in più per preparare la squadra. I due ct dell'Italvolley: Gianlorenzo Blengini per il maschile e Davide Mazzanti, per la femminile. "C'è da considerare l'idea che qualche ragazzo giovane, che ho fatto esordire lo scorso anno, non ancora titolare con un anno in più di esposizione sarà più esperto, più bravo tecnicamente e lo stesso con i titolari" dice Blangini.

 

"Questo sarà un tempo in cui una squadra giovane come la nazionale italiana femminile avrà tempo di crescere e maturare e arriverà all'Olimpiade con un'esperienza in più" aggiunge Mazzanti.

 

Il tennista azzurro, Marco Cecchinato: "Con il rinvio dell'Olimpiade sarà molto difficile programmare i nostri prossimi tornei, non si sa quando torneremo in campo. Bisogna tenere duro, e ringraziare tutti i medici e gli infermieri e speriamo che questo brutto momento possa finire al più presto".

 

Per qualcuno poi, un anno in più significa sperare in un pass olimpico. Il campione europeo di sollevamento pesi, Mirco Scarantino: "Il rinvio dell'Olimpiade cambia in me il passaggio di categoria, adesso gareggio nella categoria 61. Ho un anno di tempo per lavorare sodo e cercare di qualificarmi e strappare il pass per Tokyo 2021".

 

La campionessa azzurra di karate, Silvia Semeraro: "Io non sono ancora qualificata, mi restano delle gare di qualificazione per raggiungere il pass olimpico. Avrò più tempo per prepararmi".

Leggi tutto su Video