Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 gennaio 2021 - Aggiornato alle 17:00
Live
  • 16:45 | Mia Tindall ha compiuto sette anni
  • 16:19 | La playlist di TIMMUSIC dedicata a Phil Spector
  • 16:09 | Rebrand Inter, in arrivo un nuovo logo minimal
  • 16:01 | “Frammenti” è il primo singolo in italiano dei Sound Zero, l’intervista
  • 15:52 | Zaniolo positivo al Covid: 'Sono asintomatico e in quarantena'
  • 15:34 | Enrico Ruggeri torna con una canzone per Chico Forti
  • 15:29 | Dan Brown: biografia e i libri più famosi
  • 15:19 | Giulia Begnotti, chi è la moglie di Diego Abatantuono
  • 15:10 | Dipingere in modo ecosostenibile, si può?
  • 15:01 | Qual è il metallo più raro
  • 15:00 | Luci Led in camera da letto, i colori giusti
  • 14:52 | Tartufo più costoso al mondo: qual è
  • 14:46 | Australian Open, nessun trattamento speciale per i tennisti
  • 14:39 | Codice di Hammurabi, cos'è e perché è importante
  • 14:24 | Nomi per cani femmine: belli e originali
  • 14:16 | Messi espulso, rischia un lungo stop
  • 14:15 | Maluma è il primo uomo sulla cover si “Elle”
  • 14:08 | Governo, martedì il voto decisivo al Senato
  • 13:52 | Super Marta Bassino in Gigante a Kranjska Gora
  • 13:11 | Il Manchester City ha messo Lukaku nel mirino
VIDEO In Italia 5 mln di persone con il diabete, 1 mln non sa di averlo
TOP VIDEO

In Italia 5 mln di persone con il diabete, 1 mln non sa di averlo

Roma, 30 nov.
(askanews) - Non c'è solo il coronavirus a rappresentare un'emergenza per il sistema sanitario italiano, c'è anche il diabete, una patologia che nel nostro Paese affligge cinque milioni di persone: di questi, più di 3 milioni e mezzo sono pazienti consapevoli, mentre oltre un milione non sa di essere diabetico con tutti i rischi del caso. Stefano Nervo, presidente dell'Associazione Diabete Italia Onlus, la più importante a livello nazionale che raggruppa pazienti, medici e specialisti: 'Oggi, in Italia ci sono circa 3 milioni e 7-800mila pazienti con diabete. Si stima che ce ne siano almeno un altro milione, milione e mezzo che non sa di avere il diabete. Quindi un totale di circa 5 milioni. Il problema è che, in questo caso, parliamo di stime anche perché, purtroppo, non ci sono registri regionali in tutte le regioni e quindi i numeri si riferiscono a delle stime dell'Istat'. Ma per sapere se si rientra tra quel milione e mezzo di persone inconsapevolmente a rischio diabete bastano due semplici esami. 'E' sufficiente chiedere al proprio medico di famiglia di prescrivere due esami: l'emoglobina glicata e la glicemia a digiuno, che permette di capire qual è l'andamento medio degli ultimi tre mesi, in maniera tale da rendersi conto dello stato della situazione, soprattutto se si ha più di 45 anni, se si hanno parenti diretti, come i genitori, che hanno avuto, anche loro il diabete di Tipo 2 e soprattutto, anche, se si è in sovrappeso o obesi'. Nervo, 42 anni, ingegnere informatico, primo paziente al vertice dell'associazione, chiede alle istituzioni linee guida nazionali per raggiungere un percorso diagnostico terapeutico assistenziale sul diabete condiviso ed uniforme da Nord a Sud Italia. 'Quello che noi chiediamo è di cercare di dare delle linee guida univoche e cominciare a semplificare soprattutto i percorsi burocratici: per esempio parliamo di piani terapeutici come per le prescrizioni annuali dei presìdi, che sono atti puramente amministrativi e burocratici, che intasano gli specialisti e che potrebbero tranquillamente essere eliminati in favore di maggiori controlli, perché giustamente piani terapeutici esistono perché bisogna mantenere la situazione sotto controllo soprattutto nell ambito di determinati farmaci ma, per quanto riguarda il diabete, molti di questi farmaci - piano terapeutico - sono dei farmaci che non sono più nuovi, di cui si conosce molto bene tutto e che potrebbero addirittura essere messi a disposizione dei medici di famiglia che oggi non hanno la possibilità di fare piani terapeutici e quindi di prescrivere questi farmaci in modo da sgravare in maniera considerevole il lavoro degli specialisti'.
I più visti

Leggi tutto su Video