Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 01:00
Live
  • 23:17 | "The Last of Us" diventa anche una serie tv
  • 23:03 | Camera ardente alla casa Rosada
  • 23:02 | “Predator”, in arrivo un quinto film: i dettagli
  • 23:00 | Champions League, Bayern e Manchester City agli ottavi
  • 22:57 | Champions, Impresa Atalanta, vince 2-0 a Liverpool
  • 22:56 | Champions, Inter-Real 0-2, qualificazione lontanissima
  • 22:08 | I due virus "parenti stretti" del SARS-CoV-2
  • 21:00 | Platini: 'E' il nostro passato che se ne va'
  • 20:45 | Il nuovo EP del fenomeno POWFU è su TIMMUSIC
  • 20:24 | Cosa sappiamo del nuovo disco di Ornella Vanoni
  • 20:23 | Ferlaino: 'Per lui strappai un assegno in bianco'
  • 20:15 | Bruscolotti: 'Napoli perde un figlio. Lutto in tutto il mondo'
  • 20:12 | Nessuna parola dalla Juve solo il video della punizione del 1985
  • 19:53 | Totti: 'Hai scritto la storia del calcio... Ciao Diego'
  • 19:40 | "Folklore: The Long Pond Studio Sessions" di Taylor Swift è su TIMMUSIC
  • 19:35 | TikTok segnalerà i video che possono causare crisi epilettiche
  • 19:26 | De Laurentiis: 'Potremmo chiamare stadio San Paolo-Maradona'
  • 19:23 | Leo Messi: 'Ci lascia Maradona ma non se ne va perché eterno'
  • 19:15 | 'Sulla ma lapide scriverei Grazie per aver giocato a calcio'
  • 19:15 | Elon Musk ora è il secondo uomo più ricco al mondo
VIDEO Scoperto al PoliMi composto che ferma replicazione del Sars-Cov2
TOP VIDEO

Scoperto al PoliMi composto che ferma replicazione del Sars-Cov2

Milano, 21 nov.
(askanews) - Si chiama Ebselen ed è un composto chimico in grado di fermare la replicazione del coronavirus SARS-CoV2; un team di ricercatori del Politecnico di Milano ne ha scoperto i meccanismi di funzionamento, pubblicando i risultati dello studio sulla prestigiosa rivista scientifica 'New Journal of Chemistry'. Di cosa si tratta lo ha spiegato ad askanews Giuseppe Resnati professore del Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica 'Giulio Natta' del Politecnico di Milano. 'Ebselen - ha spiegato - è un farmaco che fu inizialmente d'interesse per il controllo dello stress ossidativo e delle patologie correlate, ad esempio l'infiammazione. Uno studio della scorsa primavera aveva rivelato che Ebselen era il composto più efficace tra circa 10.mila composti testati, nell'inibire la proteina Mpro. Questa proteina gioca un ruolo importante nella replicazione e trascrizione del virus Sars-Cov2 e costituisce quindi un bersaglio particolarmente promettente per bloccare il virus stesso perché un composto che inibisca Mpro, blocca il virus. Ebselen è, infatti, in fase 2 negli Stati Uniti in pazienti Covid-19 con patologia moderata o grave'. Nella propagazione di un virus due momenti sono particolarmente importanti: la sua capacità di entrare nelle cellule dell ospite, cioè di infettarlo e quella di replicarsi nelle cellule infettate. Nel loro studio i ricercatori italiani hanno chiarito il meccanismo di blocco di Mpro da parte di Ebselen. 'I nostri studi - ha precisato Resnati - hanno chiarito come alcuni gruppi tipicamente presenti nelle proteine, ad esempio residui ossigenati e azotati, interagiscono fortemente con l'atomo di selenio di Ebselen attraverso il legame calcogeno, un'interazione che da anni è oggetto di studio nei nostri laboratori. Il chiarire a livello atomico le interazioni che legano Ebselen ad una proteina fornisce informazioni utili per ottimizzare il processo di inibizione della proteina, cioè per inibire la replicazione virale. In prospettiva sarà quindi possibile programmare e sintetizzare composti anche più efficaci e selettivi di Ebselen nell'inibire Mpro'. È importante sottolineare che Ebselen è risultato attivo anche contro altri virus ad RNA, ad esempio quelli dell'Epatite C e dell'HIV.
I più visti

Leggi tutto su Video