Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 16 settembre 2021 - Aggiornato alle 11:34
News
  • 09:39 | L’Inter domina il Real Madrid ma si fa beffare nel finale
  • 09:24 | Le calciatrici afghane ospiti delle azzurre a Coverciano
  • 09:04 | Il Milan lotta ma perde a Liverpool (3-2)
  • 08:49 | Gli azzurri del volley tornano in semifinale di un Europeo
  • 07:41 | Come ottenere gratis l’accesso Premium Fantacalcio con TIMVISION 
  • 06:15 | I green pass obbligatori le altre notizie sulle prime pagine
  • 01:04 | La circolare del Ministero sulla terza dose di vaccino
  • 00:35 | La grande fuga delle calciatrici afghane
  • 23:30 | Il primo volo spaziale con solo civili a bordo: chi sono
  • 18:45 | L'Ue è leader mondiale nelle vaccinazioni
  • 17:00 | Covid, i dati del 15 settembre: il tasso di positività è all'1,5%
  • 16:58 | Salone del Libro di Torino, presentata la nuova edizione
  • 16:39 | Cagliari, è Walter Mazzarri il nuovo tecnico rossoblù
  • 15:45 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 14:30 | Dentro l'aeroporto di Kabul abbandonato dai soldati americani
  • 13:27 | Le prime immagini dell’Arco di Trionfo impacchettato
  • 12:33 | Afghanistan, un milione di bambini a rischio fame
  • 11:57 | Come procede la campagna vaccinale in Europa
  • 11:42 | Milito spinge l’Inter in Champions e verso lo scudetto
  • 11:27 | Come funzionerà la terza dose di vaccino nel Regno Unito
VIDEO Un quadro a Venezia: trovare Frank Stella da Peggy Guggenheim
arte

Un quadro a Venezia: trovare Frank Stella da Peggy Guggenheim

"Miscuglio di grigio" del pittore americano è forse il più bel quadro moderno della città lagunare

Venezia, 5 ago.

(askanews) - Venezia è una città fatta di percorsi individuali che si stratificano, diventando poi una trama infinita di spazio e suggestioni. Uno di questi percorsi, tra le migliaia, porta alla Collezione Peggy Guggenheim, a Dorsoduro, e, all'interno del museo che ospita una quantità impressionante di capolavori, si spinge un po' oltre, in un corridoio quasi ai margini della narrazione, per trovare il proprio punto d'arrivo: il dipinto 'Miscuglio di grigio' di Frank Stella.

 

Quello che ci piace chiamare il più bel quadro moderno della città lagunare. Realizzato dal pittore americano tra il 1968 e il 1969, si inserisce nella reazione minimalista al gesto dell'espressionismo astratto. La tela, un quadrato di 175,3 cm di lato, ospita altri undici quadrati concentrici, che creano sezioni la cui larghezza corrisponde esattamente alla larghezza del pennello di Stella. Nessuna interpretazione, nessun gesto, solo pittura. 'Quello che vedi è quello che c'è', dice l'artista. Niente di più.

 

Viene in mente Samuel Beckett e il suo non esserci nulla da esprimere e comunque nessuno strumento per esprimerlo. Restano la negazione e le parole. E come Ad Reinhardt con i black painting, così Stella, con le sue strisce di colore, nega le sovrastrutture dei linguaggi artistici. E le parole dello scrittore irlandese, ridotte all'osso, diventano pittura pura, pittura al grado zero, quello originale.

 

Così il percorso prende senso; sembra offrire una possibile risposta alla domanda dell'ultimo Beckett: qual è la parola. In questo caso la parola sono le bande di colore di Frank Stella, che con un preciso ordine cromatico ci offrono la realtà di ciò che possiamo vedere, esattamente per quella che è. Pittura (come anche Francis Bacon amava intitolare i suoi dipinti). E intanto la collezione Guggenheim, e poi tutta Venezia, continuano fuori a costruire i loro misteri e le infinite possibili traiettorie di scoperta e rivelazione.

(Leonardo Merlini)

I più visti

Leggi tutto su Video